RASSEGNA STAMPA

7 OTTOBRE 1999
MARIO CAVALLO
IL SEGRETO DELL'ILLUMINISMO
"La religione dei moderni", una ricerca di Cazzaniga sulla massoneria come luogo di rifondazione del legame sociale
Gian Maria Cazzaniga, "La religione dei moderni", Ets, Pisa, pp. 348, L. . 36.000
Chi anche in questa fine di millennio continua a nutrire interesse per la storia delle vicende umane, per la storia delle idee e dei tentativi messi in atto per concretarle - soprattutto se le idee in questione sono quelle di libertà, fraternità, uguaglianza - trova in libreria un testo di sicuro interesse: La religione dei moderni di Gian Maria Cazzaniga (Ets, Pisa, pp. 348, L. . 36.000). Convinto con Eraclito che per trovare oro è necessario scavare molta terra, l'autore per anni ha dissodato a fondo un terreno a prima vista assai ingrato: l'arcipelago multiforme e "delirante" della massoneria e delle sue sette. Il risultato è però la dimostrazione di come la "nottola di Minerva" possa tornare con un bottino non solo erudito, ma capace anzi di rinnovare la nostra stessa autocomprensione spiccando con metodo il suo volo anche sulle strane isole e penisole culturali in cui vivono Illuminati, Teofilantropi, Filaleti, U.S.D. (leggasi: Uomini Senza Dio) e come diavolo con nome di rigenerazione si sono ribattezzati i mille e mille fratelli "costruttori" decisi ad erigere "carceri per il vizio e templi alla virtù".
Tra loro spiccano in ogni caso alcuni tra i massimi intellettuali europei: da Lessing, Herder, Goethe, a Mirabeau, Condorcet, Fichte, Heine... Chi indotto da recenti vicende italiche rischiasse di confondere massoneria e piduismo, può finalmente scoprire momenti e figure assai più nobili e rilevanti dell'istituzione nata a Londra nel 1717 e apprende come nelle logge sono nati praticamente tutti gli elementi ideologici - liberalismo, democrazia cristiana, comunismo... - risultati costituitivi della modernità occidentale. A chi si chiedesse cosa e chi ha spinto allo studio dell'ambiente massonico un intellettuale lucido, raffinato e dalla ben nota militanza nel movimento operaio come Cazzaniga, il libro non manca di rispondere. Da esso emerge netta l'opzione per una filosofia curiosa dei luoghi storico-sociali capaci di generare il nuovo e attenta ai valori della differenza, nutrita da quella passione per le radici culturali del nostro mondo che già aveva indotto l'autore a esplorare "Fin'amors e cortezia nella poesia trabadorica" quali matrici dello "spirito laico". Nel caso attuale si aggiunge un'indicazione del giovane Marx che, in compagnia di Engels, criticava i "critici-critici" tedeschi alla luce delle esperienze realizzate della critica pratica del cervello sociale messo in moto dalla Rivoluzione Francese.
Cazzaniga stesso segnala il "debito" con i dioscuri fondatori del moderno partito politico di massa.
Lo fa con ironica signorilità citando a conclusione del capitolo centrale su Nicolas de Bonneville le parole che hanno costituito l'input decisivo per l'avvio di un'indagine che, partita dal Cercle social indicato dalle pagine della Sacra Famiglia quale origine del "movimento rivoluzionario moderno", si è poi allargata all'intero mondo delle logge rivelatosi uno dei luoghi più fecondi dell'attività mitopoietica alla base della "invenzione" del legame sociale, soprattutto allorquando i membri dell'istituzione muratoria si sono fatti "massoneria pubblica", identificando il luogo di rifondazione del legame sociale nel terreno dell'attività politica organizzata.
Fenomeno che abbraccia l'Europa e le due Americhe, la massoneria si rivela uno dei più rilevanti tentativi moderni di fornire risposta alla crisi aperta nel fondamento del legame sociale dalle guerre di religione del Cinquecento-Seicento. Per molti cittadini della République des Lettres la massoneria più che "società segreta" è infatti una società che "tratta" segreti, terreno embrionale di una nuova possibile convivenza interumana, progetto e luogo possibile di rifondazione di quel legame sociale posto in crisi dalla nascita dell'individuo come nuovo protagonista spirituale della storia europea e dalla distinzione tra religione naturale e religioni positive.
Con le sue radici giusnaturalistiche e neo-stoiche, dal mondo classico il progetto massonico recupera anzitutto l'idea di cittadinanza, "primo grande esperimento riuscito di costruzione artificiale di un legame sociale" ispirandosene per costruire, nella situazione di crisi dell'ancien régime, un progetto analogo. Collocandosi da questa prospettiva la ricerca di Cazzaniga trascende ampiamente la storiografia autocelebrativa intramassonica e illumina di nuova luce origine e natura della politica, identificata, in sintonia con Giarrizzo, come religione dei moderni. L'elezione del mondo delle logge massoniche quale oggetto di analisi avviene cioè in base alla convinzione storica-teorica circa il loro carattere di "laboratorio" di nuove forme del vivere associato, anzitutto a proposito del vero opus magnum ch'esse hanno contribuito ad edificare, ovvero la costruzione di quella forma politica, sostenuta da partiti di massa, che fu lo "Stato-Nazione".
Che poi la nottola filosofica spicchi il suo volo in condizioni oggi hegelianamente ideali, al tramonto dell'egemonia organizzativa, culturale e morale dei partiti politici di massa, per oltre un secolo protagonisti della democrazia rappresentativa e di una vita politica basata sulla cittadinanza, insieme al tempismo di Cazzaniga è dimostrazione di come la sua fedeltà al marxismo intelligente non abbia spedito in soffitta neppure quell'Hegel che qui, insieme a Heine, ottiene il tributo di due splendidi saggi.
Oggi la storia ha cominciato un capitolo nuovo e l'autore non ha dubbi che si stia voltando pagina.
Non condivide però la convinzione che ciò significhi fine della modernità. Se le crepe nella sovranità degli stati nazionali pongono in crisi partiti e sindacati, ovvero "i legami sociali artificiali sui cui la modernità ha costruito la propria storia", la transizione in atto "lungi dall'essere una negazione dei principi costitutivi della modernità, è in realtà "un'affermazione radicale di essa". E la prospettiva indicata da Marx non è affatto radiata in secula seculorum dalla storia. Il comunismo resta all'ordine del giorno, solo che se ne riprospetti il nucleo vivo e fondamentale non costituito "né dall'eguaglianza, né dalla giustizia sociale, né tantomeno dal recupero di una dimensione comunitaria solidaristica, ma dalla capacità progettuale collettiva, dal controllo consapevole del ricambio con l'ambiente naturale, dalla possibilità storica che si apre per la società e per i singoli, in rapporto alla rivoluzione scientifica e tecnologica, di essere finalmente padroni del proprio destino. "Nessun dubbio per noi che qui l'impeccabile storico della "religione dei moderni" riveli la sua personale cifra ideologica e la passione per il marxismo. E' l'unico luogo in cui la sua prosa, peraltro sobria, cede a frasi fatte come la "padronanza del destino". Una espressione, questa, inerente, più che alla politica, a un ambito filosofico-esistenziale, a tematiche, cioè, con cui la "religione dei moderni" deve forse ancora imparare a cimentarsi.
inizio pagina
vedi anche
Cultura e societ…